caterina croce

now browsing by tag

 
 

Berlino e Vienna come due pugili suonati.

germaniaPodcast e materiali della ventitreesima puntata di “Autista moravo”. Perché le due nazioni che più di altre hanno voluto la Grande Guerra sono uscite sconfitte? Per rispondere a questa domanda serve capire cosa successe al fronte, come la popolazione resistette alla fame, l’entrata in guerra degli Stati Uniti e la rivoluzione d’ottobre in Russia. E compaiono personaggi affascinanti, come il mitico Parvus. Ne abbiamo parlato con Giovanni Schininà, storico all’Università di Catania e Gerhard Hirschfeld, che insegna storia a Stoccarda. Caterina Croce ci ha parlato di un altro documento liberamente scaricabile dal sito della Fondazione Feltrinelli: Against the War della Socialist Propaganda League of America. Silvia Galasso, per la rubrica dedicata al panorama artistico negli anni della Grande Guerra, ci ha parlato dei futuristi. Ecco il podcast.

Read the rest of this page »

Quando la parola si fa arma. L’atroce bellezza delle poesie di guerra. Podcast e materiali della settima puntata.

C.R. Wynne Nevinson, Ritornando in trincea, 1914-15Come hanno vissuto e raccontato l’enormità del conflitto poeti e letterati? Mentre attraverso la cronaca del luglio 1914, interpretata da Renato Sarti, la guerra si fa più vicina ogni giorni, ci occupiamo di Ungaretti, Rebora, Serra e Papini, con l’aiuto di Andrea Cortellessa, curatore de “Le notti chiare erano tutte un’alba” (1998), una delle migliori antologie delle poesie italiane sulla Grande guerra con la prefazione di Mario Isnenghi. Caterina Croce e David Bidussa ci parlano dell’ebook della collana curata per la Fondazione Feltrinelli, dedicato a Papini, sostenitore della “guerra come sola igiene nel mondo” e a Renato Serra. La recensione di Vincenzo Mantovani ci parla infine di “Benedetto tra le spie”, un libro di Annibale Paloscia. A domani con l’ottava puntata! Ecco il podcast.

Read the rest of this page »